Liberava aquiloni (*)
 
Sul fare del giorno
avvinti da spaghi
s' alzavano intorno
quei volti di draghi,
disegni curiosi
dai tratti infantili,
maschere smaniose
di strappare i fili:
i grandi aquiloni
prigionieri tristi,
code di pavoni
dai colori misti.
 
Le nubi nel cielo
volavan gioiose
coprendo d' un velo
montagne rocciose.
 
L'  osservai un giorno,
col vento a folate,
galoppava intorno
con grandi falcate.
Teneva nel palmo
dei  gran forbicioni
mormorava calmo
"Libero aquiloni"
e tagliava spaghi
lanciando nel sole
quei volti di draghi
tra gioia e colore.
 
Genova, 1 marzo 2014
(*) Menzione d'onore al Concorso Letterario Nazionale Mani in Volo - Sez. I sogni appesi ad un aquilone, 2015, COSTABISSARA (VC)